Donne, le catene invisibili

VENERDÌ 6 NOVEMBRE 2020 ORE 20.30
Auditorium “A. M. Mozzoni” – via Piatti 5, Mozzo

Il tema della violenza di genere è di bruciante attualità e dolorosa realtà per troppe donne che, prima di essere vittime di violenza, sono vittime del silenzio, dell’invisibilità e della cultura dominante, fondata sulla negazione delle donne come soggetti, sul dominio dell’Altro e sul “consumo” dei corpi femminili e degli esseri umani in generale. Costruire l’autostima delle donne, allenarci alla assertività e sostenere il sentimento di autoefficacia sono le chiavi per superare i condizionamenti culturali e gli schemi relazionali in base ai quali, con la violenza o con l’implicito condizionamento, le donne perdono la propria soggettività e la propria libertà di “essere”.

Relatore

Rosella De Leonibus

Psicologa-psicoterapeuta libera professionista, didatta e supervisor in Psicoterapia della Gestalt presso l’IPGE, oltre all’attività clinica si occupa di formazione e supervisione di équipe professionali e gruppi di lavoro. Ha scritto centinaia di articoli in ambito psicologico. Per la collana “Roccalibri” di Cittadella Editrice ha pubblicato Psicologia del quotidiano, Cose da grandi e Pianeta coppia. Per la stessa casa editrice cura la collana “Alfabeti per le emozioni”, all’interno della quale ha pubblicato P come Paura e C come Coraggio; nel 2017 è uscito nella collana Psicoguide il libro Prendersi cura. Accogliere, sostenere e co-creare attraverso la relazione psicoterapeutica e nel 2019 Libere di essere? Dalla violenza di genere verso un nuovo rapporto tra donne e uomini. Collabora con il periodico “Rocca” dal 1990. Presso l’Ordine degli Psicologi è capo redattrice della rivista “La mente che cura”.

Iscriviti alla conferenza

Conferenza gratuita con iscrizione obbligatoria tramite eventbrite. Segui le istruzioni nella pagina