Perché ha ancora senso scrivere lettere d’amore?

GIOVEDÌ 6 FEBBRAIO ORE 20.00-22.30
Sala Civica Biblioteca di Mozzo – via Orobie 1, Mozzo

I messaggi via web sono più facili e veloci, ma il piacere di ritrovarsi una busta tra le mani non è paragonabile a quello della notifica di una nuova mail o al trillo di un messaggio via social. Per fortuna le lettere scritte a mano stanno tornando di moda. Il tempo e la cura necessari per comporle, le rendono ricordi indelebili nella memoria di chi le scrive e di chi le riceve. Esse sono il segno materiale di ciò che è davvero importante e dimostrano l’unicità di una relazione speciale. Anche se quando si parla d’amore si è abituati a pensare a quello romantico, ci sono molti altri tipi d’amore: quello per il prossimo, per la terra, per i figli, per gli amici, ma di qualunque amore si voglia scrivere, esso rappresenta un tema fondamentale ed è sempre presente quando ci si confronta con la propria storia. L’amore sarà dunque il tema centrale di questo laboratorio autobiografico e sarà il primo, ma non unico destinatario delle scritture prodotte. Ispirandosi al genere epistolare e ad esempi illustri o meno conosciuti, si proverà a scrivere una lettera d’amore, scegliendo con attenzione registro, parole e destinatari.

I partecipanti saranno poi invitati ad inviarla ad una persona amata e ad osservare ciò che di sorprendente accadrà. I laboratori hanno una connotazione inclusiva, sono dei percorsi di conoscenza di sé e di riappropriazione della propria storia, svolti nel contesto rispettoso ed accogliente del gruppo. Per questo, la partecipazione è libera e aperta a tutti e non è richiesta alcuna esperienza precedente di scrittura, basta essere curiosi di sé e della propria storia.

Conduce

Cristina Paruta

Esperta in Metodologie biografiche e autobiografiche e Consulente in Scrittura Autobiografica Individuale. Conduce laboratori di scrittura autobiografica, da sola o con altri professionisti di diversa formazione, ed è Consulente di Scrittura Autobiografica Individuale presso il Centro Divenire. Si è specializzata alla scuola triennale di scrittura autobiografica e biografica diretta da Duccio Demetrio presso la “Libera università dell’Autobiografia” di Anghiari. È laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne. Le piacciono le storie e crede nel potere relazionale e trasformativo del racconto. Ha curato la redazione di un volume di memorie locali – Ho guardato il mondo: quando lavoravo in Zerowatt un oblò con GIT, “Gruppo Identità e territorio” di Alzano Lombardo di cui è socia e conduce percorsi di formazione per “biografi volontari”.

Iscriviti al workshop

Workshop gratuito con iscrizione obbligatoria mandando una mail a info@centrodivenire.net (massimo 2 workshop a persona).

Apri Whatsapp
Ciao, come possiamo esserti utili? Scrivici su Whatsapp!
Powered by