Samantha van Wel

Samantha van Wel - Centro Divenire

Samantha van Wel

Samantha van Wel

Chi sono

Se dovessi tornare indietro rifarei esattamente lo stesso percorso. Nonostante le fatiche e i momenti bui, le incertezze e le paure, vorrei fare lo stesso lavoro di adesso: la Psicoterapeuta.
Penso che la continua crescita personale e professionale, il sentirmi nutrita e sempre in divenire, siano la mia linfa vitale che contribuisce a farmi sentire l’intensità della vita.
Mi spaventa restare immobile e osservo questa paura spesso nei miei pazienti, nei loro occhi, nei loro corpi e nelle loro parole. La paura immobilizza e l’immobilità spaventa.
Alexander Lowen, fondatore dell’Analisi Bioenergetica, dice “la terapia è un viaggio alla scoperta di sé. Non è un viaggio rapido, né facile e neanche privo di paure. In certi casi può prendere l’intera esistenza, ma la ricompensa è il sentimento che la vita non sia passata invano”.
Queste parole rappresentano per me una guida e un’ispirazione quotidiana, sia nel lavoro con i miei pazienti, sia nel lavoro su me stessa. Credo che possiamo accompagnare gli altri in zone scomode e spaventose, solo se ci siamo già stati o se abbiamo voglia di andare a scoprire quei luoghi, con la fiducia che potremo ritornare alla luce con un’energia nuova per approdare ad un luogo sicuro dentro di noi. E’ come quando torniamo da un viaggio avventuroso ed esplorativo arricchiti e cresciuti perché abbiamo imparato e scoperto cose nuove, sperimentando difficoltà e meraviglie.

Amo moltissimo viaggiare, per me è vitale. La curiosità di vedere, di scoprire, di assaporare e di imparare mi ha sempre accompagnata e con il tempo ho scoperto che la mia scelta professionale è, in qualche modo, un continuo viaggiare tutti i giorni nell’anima e accompagnare gli altri in luoghi sconosciuti alla ricerca di nuove risorse. Spesso è nei luoghi più impervi che si scopre la possibilità di un varco e di un’evoluzione personale in grado di riparare e di risanare il vissuto delle esperienze, anche di quelle più dolorose e negative.
La soddisfazione e la commozione più grande arrivano quando le persone riescono, con il lavoro terapeutico, a riscoprire le proprie risorse, a trovare le proprie oasi interiori, i propri luoghi sicuri e a farne tesoro, per poter accedervi sia nella quotidianità che nei momenti più critici della vita.
Questo traguardo non appartiene a me terapeuta ma è la ricompensa, il tesoro della persona che l’ha cercata e infine trovata dentro di sé, grazie al mio aiuto e alla mia conduzione.
Quando assisto a questa “magia”, il mio corpo vibra e sente fremiti di commozione, sono grata alla vita e alla persona che ho di fronte che mi regalato la sua fiducia.
In realtà, non si tratta di magia ma di un processo di cambiamento, qualcosa che succede anche se i passaggi non sono sempre tutti visibili. A quel punto, sia io che il mio paziente sappiamo che ne è valsa la pena e il respiro si fa più fluido, il corpo è più vivo e le sensazioni pulsano. Si scopre che, anche se si incontreranno altre difficoltà sulla propria strada, si avrà più capacità di affrontarle e questo restituisce speranza e maggiore fiducia in se stessi.
Assistere a questa “trasformazione” è un privilegio: mi sento regista, attore, comparsa e narratore di una storia vera che è la vita del paziente. E poi, lentamente, esco di scena, il paziente se ne andrà con le proprie gambe e forse mi porterà nel cuore.
Lavoro con quello che c’è in ciascuna persona, perché credo fermamente – e ne ho avuto la conferma in questi anni di esperienza clinica – che dentro ciascuno di noi ci siano risorse uniche e meravigliose da portare alla luce e da governare. Siamo infatti caratterizzati e programmati con un grandissimo potere di autoguarigione e, quando acquistiamo fiducia nei nostri processi, siamo già sulla buona strada.
Amo stare con gli altri, divertirmi, condividere momenti intensi ma anche leggeri.
Amo molto anche stare da sola, la solitudine e’ per me un’occasione di raccoglimento e di maggiore connessione con me stessa. Spesso ne ho bisogno per tornare a stare bene con le persone per me significative e piacevoli.

Una delle cose che continuo a coltivare è la libertà di scegliere, intesa come fiducia in sé, che insieme alla capacità di dare e di ricevere amore sono per me essenziali.

 

Di che cosa mi occupo

In generale lavoro molto con gli adulti, ma mi occupo anche di bambini, di adolescenti e di sostegno alla genitorialita’, attraverso la psicoterapia individuale, di coppia e di gruppo.
Conduco un Gruppo di Psicoterapia sulla Gestione dell’Ansia e degli Attacchi di Panico.
Le tematiche che amo approfondire riguardano quindi l’ansia e gli attacchi di panico, la depressione e quelle legate alla fatica di esistere. Alcuni miei approfondimenti clinici riguardano anche le difficoltà del concepimento (infertilità), i disagi durante la gravidanza, le gravidanze difficili, le problematiche legate alla nascita e alle prime fasi evolutive. Mi interesso molto di disturbi e difficoltà legati ai primi e primissimi stadi dell’esistenza e come questi influiscono oggi sulla vita attuale e condizioneranno la vita futura.

Conduco seminari che riguardano argomenti legati all’anestesia emotiva, allo sviluppo dei propri confini, all’autostima, allo stress, all’ansia e all’autoaffermazione.

Sono inoltre docente presso la S.I.A.B. (Società Italiana di Analisi Bioenergetica) del “corso di specializzazione di accompagnamento alla nascita e alla genitorialità”.

Conduco anche gruppi di classi di Bioenergetica, favorendo così la prevenzione, la promozione e il mantenimento del benessere psicofisico ed emotivo.

Collaboro con i miei stimati colleghi alla diffusione della cultura e del sostegno psicologico sul territorio con la conduzione di conferenze e di seminari.

Sono Analista Bioenergetica, una psicoterapia a mediazione corporea, e lavoro con il corpo che considero il nostro migliore alleato, ci permette di sentire, di sperimentare, di ricordare e di cambiare. Il corpo possiede una sua saggezza e una sua memoria spesso sorprendenti. Così, ogni volta che ci permettiamo di aver fiducia nei processi corporei, ogni volta che abbiamo il coraggio di affidarci al corpo, accadono cose meravigliose.
Nel corpo nascono le emozioni, i pensieri e i sentimenti che sono la nostra bussola, che ci orientano e ci guidano nel nostro cammino. In questo credo molto, sebbene, spesso, la strada per arrivare a questa fiducia sia lunga e tortuosa.

 

Perché il Centro Divenire

Incontro il Centro Divenire nel 2010 durante la mia seconda gravidanza, un momento per me di grande cambiamento non solo fisico ma anche emotivo. Ho conseguito da poco la mia specializzazione in Psicoterapia e desidero intraprendere l’attività clinica. Sento il desiderio di aiutare le persone a stare meglio, di curare le ferite dell’anima, quelle a volte invisibili e che spesso non si sa bene cosa siano e da dove arrivino ma che fanno male, nel profondo.
Di fronte al dolore mi sento umile e sperimento talvolta il dubbio di esserne all’altezza, ma nello stesso tempo so di poter offrire all’altro la mia professionalità che è intrisa anche della mia persona, la mia sensibilità, l’empatia, la comprensione, l’accoglienza, il sostegno e la spinta al cambiamento. Credo che queste siano le qualità che mi hanno sempre accompagnata e che, mi auguro, possano rimanere per sempre le mie compagne di viaggio.

Quando ricevo l’annuncio per una selezione al Centro Divenire dove cercano psicoterapeuti, vado subito a vedere il sito e sono attratta dalle immagini del luogo, sembra caldo e accogliente. Ciò che leggo nel sito mi trasmette un senso di professionalità e di serietà. Mi dico che sarebbe davvero un caso fortunato poter lavorare insieme ad altri, far parte di un’Equipe con cui crescere e confrontarmi, in cui sperimentare ed evolvere come psicoterapeuta. Sembra troppo bello per essere vero…e poi, penso, con questo pancione chi mi prende? In fondo per un po’ di tempo la mia attenzione sarà impegnata totalmente in altro, alle cure della mia piccola che sta per nascere e della mia primogenita che e’ ancora piccola e subirà un bel cambiamento all’arrivo della sorellina. Eppure una voce dentro di me mi dice di provare, non è forse vero che le cose belle accadono se le andiamo a cercare? Perché dovrei dare per scontato che sia impossibile? E, ancora, se non vedo di cosa si tratta con chi avrò a che fare, non potrò valutare e decidere
quale direzione intraprendere. Così, con la mia grande pancia, decido di provare. La giornata di selezione si rivela faticosa, impegnativa, molto professionale e, allo stesso tempo, ricca. Sento subito crescere in me l’entusiasmo e la curiosità, sento pulsare qualcosa, sperimento un grande senso di umanità, di voglia di crescere e io ho il desiderio di lavorare e di crescere lì, questo si conferma chiaramente dentro di me!
Oggi, sento ancora lo stesso elemento pulsante e vitale di allora, rinforzato dall’esperienza intensa e ricca fatta fino ad oggi, dai momenti più difficili a quelli più divertenti. Sono grata a me stessa per averci creduto ed essermi data l’opportunità, sono enormemente grata ai miei colleghi per aver creduto in me e per avermi offerto questa occasione, e , infine, sono grata ai miei e pazienti per la continua fiducia e per l’opportunità che si danno ogni volta che vanno verso il cambiamento, un cambiamento che sia nella direzione della propria accettazione più profonda e più in sintonia con se stessi e con l’amore per se’.
L’Equipe che abbiamo costruito negli anni e che è in continuo divenire ha per me un valore inestimabile, è un luogo di confronto e di conforto, di crescita e di stimolo, è un luogo in cui posso trovare accoglienza ma anche dove sento di poter accogliere gli altri, di sostenere e di stimolare e questo gioco di scambio è continuo e quotidiano.
Questo è un luogo fertile e vitale per me, sono semplicemente e autenticamente felice e orgogliosa di farne parte.

 

Istruzione e formazione

Sono laureata in Psicologia dell’età evolutiva presso l’Università degli Studi di Padova.
Ho conseguito la specializzazione in Psicoterapia presso la S.I.A.B. (Società Italiana di Analisi Bioenergetica) di Milano.
Sono abilitata alla pratica dell’EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) e ho molto interesse per il lavoro sui traumi.
Sono abilitata alla professione di Psicologa e di Psicoterapeuta. Sono iscritta all’Ordine degli Psicologi della Lombardia.
In seguito alla laurea in Psicologia e negli anni della mia formazione in Psicoterapia ho lavorato nell’ambito delle Risorse Umane presso una rilevante azienda multinazionale del settore automotive, in cui sono cresciuta professionalmente nella selezione, formazione e sviluppo, fino al ruolo di Responsabile della Selezione e Mercato del Lavoro.
Questa esperienza mi ha consentito di apprendere tecniche, metodologie, dinamiche relazionali e aziendali semplici e complesse. Mi ha permesso di comprendere una buona parte del mondo del lavoro in cui ciascuno è inserito nella propria quotidianità ed è stata una buona scuola di vita.
La mia passione per la clinica mi ha spinto però, piano piano, ad abbandonare la strada dell’azienda e delle risorse umane per iniziare a esercitare la professione di Psicoterapeuta dopo aver conseguito la specializzazione e aver maturato esperienze di tirocinio formativo nell’ambito di comunità e del consultorio familiare dell’Asl.
Non sono state solo le esperienze professionali e formarmi, ma anche gli anni di lavoro su me stessa, attraverso il mio percorso di Psicoterapia individuale, Psicoterapia di Gruppo e Supervisioni cliniche.
Durante questi anni mi sono tenuta aggiornata e ho approfondito diversi temi attraverso seminari, conferenze e congressi.
Sono socia ordinaria della S.I.A.B. (Società Italiana di Analisi Bioenergetica) e dell’IIBA (International Insistute for Bioenergetics Analysis) e dell’associazione EMDR Italia (Eye Movement Desensitization and Reprocessing).

 

Progetti e percorsi del Centro Divenire:

Lago di ghiaccio - Classi di Bioenergetica - Centro Divenire

Classi di Bioenergetica

gruppo-gestione-ansia-centro-divenire

Gruppo gestione Ansia

Psicoterapia individuale - Analisi bioenergetica - Centro Divenire

Psicoterapia individuale

Madre e bambino - Sostegno alla genitorialità - Centro Divenire

Sostegno ed accompagnamento alla nascita

Psicoterapia Coppia

Psicoterapia di Coppia

 

Conferenze:

Ciclo di Conferenze 2015-2016 “Il Potere del Sentire”: Perché noi no? L’infertilità tra psiche e soma. Una via olistica per aumentare le chance di successo.

Ansia e Attacchi di Panico: il male dei nostri tempi.

Seminario di bioenergetica intensivo: La voce interiore. Onoriamo i sintomi, partire dal corpo per prenderci cura di noi.

Che figlio sono e che padre voglio essere. Il mito di Telemaco: alla ricerca del padre perduto.

Seminario di bioenergetica intensivo: forza e grazia, ritrovare piacere e vitalità.

Attraversare le ferite del corpo. Dal sintomo alla consapevolezza.

Ridurre e prevenire lo stress.

Esperienza di analisi bioenergetica: la capacità di auto affermarsi. Saper dire di no per un vero sì.

Seminario intensivo di bioenergetica. Fermare la corsa e lasciarsi respirare: l’esperienza di tornare a casa, l’esperienza di tornare al corpo.

Vivere bene con i piedi per terra: introduzione ai principi teorici dell’Analisi Bioenergetica di Lowen.

Fasi esistenziali dell’individuo: dalla vita di coppia alla vita familiare.

Il concepimento. Vita di coppia: io voglio un figlio, e tu?

Sciogliere i nodi del passato. Apertura di cuore: la gioia dell’incontro.

Abbandonarsi: perché rilassarmi è per me uno sforzo?

Esprimersi, affermarsi, esistere. Perché non dico mai la mia? La paura del giudizio e della “brutta figura”.

Autostima corporea. Cosa vedi quando ti guardi allo specchio? Perché quello che vediamo non ci piace mai?

CONTATTI