Ansia da interrogazioni ed esami

Ansia da interrogazioni ed esami: imparare a gestirla con l’ipnosi neo-erickosniana

con la dott.ssa Paola Aquaro

 

Affrontare gli esami provoca sempre un certo grado di ansia. Qualsiasi tipo di esame sia: una verifica, un’ interrogazione, un esame universitario ecc. Si tratta di un fenomeno comune, ma quando la quota di questa ansia è troppo elevata il rischio di non superare l’esame diventa reale. In alcune persone la sola idea di dover sostenere un esame è associata a preoccupazioni intense e pensieri “catastrofici” riguardo l’essere bocciati, fare una figuraccia, fare scena muta, avere una crisi di panico, scappare all’ultimo momento, sentirsi falliti, umiliati e non da ultimo deludere le persone vicine.

Non è difficile immaginare che in questi casi l’ansia da esame può effettivamente rendere difficile raggiungere buoni risultati scolastici e può spingere addirittura ad abbandonare prematuramente gli studi. Questo tipo di ansia può facilmente interferire con ogni tipo di attività scolastica agendo anche come “ansia anticipatoria” e creando difficoltà sia di apprendimento sia di “performance”.

Grazie alle tecniche di ipnosi e autoipnosi è possibile potenziare la capacità degli studenti di fare fronte allo stress delle interrogazioni e degli esami e alla fatica dello studio. Tutto ciò favorisce una maggiore motivazione, una consistente riduzione dell’ansia ed una sua gestione ottimale.

Il percorso proposto per affrontare l’ansia da esami si avvale dell’ ipnosi neo-erickosoniana, un approccio che prende il nome dal suo ideatore, il medico e psichiatra clinico Milton Erickson (1901-1980). È a lui che si deve l’intuizione che gli stati di trance ipnotica non sono fenomeni straordinari ma eventi piuttosto frequenti e comuni a tutte le persone. Basti pensare con quale facilità e frequenza ci si possa astrarre dalla realtà circostante nel corso di una giornata, come per esempio, quando ci si lascia assorbire dalla lettura di un libro o dalla visione di un film che ci interessa particolarmente.

Il percorso può costituire un primo passo decisivo verso il cambiamento, oltre a fornire strumenti concreti per la gestione dell’ansia che, una volta appresi, potranno essere utilizzati nella quotidianità.

Ogni percorso avrà una durata di 6 incontri da circa un’ora l’uno.

Occorre sempre ricordarsi che a fare la differenza non è la profondità della trance ipnotica ma i contenuti veicolati che permettono di attivare le risorse presenti in ciascuno di noi per avviare il processo verso il cambiamento desiderato.

Percorso 2018/2019 Ansia da interrogazioni ed esami

 

CONTATTI