Non è troppo tardi per dirti che ti voglio bene

Laboratorio di Scrittura autobiografica
in tre incontri

20 aprile, 27 aprile, 4 maggio, dalle 19,30 alle 21,30
Il laboratorio di narrazione si svolgerà on line

L’amore è da reinventare, si sa
(Arthur Rimbaud)

Improvvisamente ci siamo fermati e le nostre vite sono cambiate. Condividiamo un isolamento in cui siamo messi di fronte ai nostri dilemmi e alle questioni irrisolte e non possiamo più sfuggire a noi stessi. 

Alla paura e all’incertezza si accompagna per fortuna una consapevolezza nuova, una diversa concezione delle priorità nelle nostre esistenze: la scrittura autobiografica può sostenere questa nascente consapevolezza. 

Stiamo imparando a non dare più per scontate le relazioni, e a renderci conto che esse hanno bisogno di attenzione e di cura per evitare che, giorno dopo giorno, le coppie, i legami familiari e le amicizie si logorino. 

Vicini e confinati negli stessi spazi, i rapporti d’amore appaiono nella loro evidenza e siamo costretti a osservarne i limiti e le possibilità.

Lontani perché non possiamo incontrarci, ci coglie la nostalgia e un desiderio struggente di ritrovarsi. Tuttavia, vicini o lontani dai nostri cari, ci sentiamo fortunati perché siamo sopravvissuti e prima o poi potremo rivederci. Molti dei nostri amici e conoscenti non avranno più questa possibilità: hanno subito tragiche perdite, rese ancora più laceranti dal fatto di non aver potuto portare conforto né dire ciò che era necessario a chi stava morendo.

Non si è mai scritto così tanto, in nessuna altra epoca della storia umana, la svolta digitale ha rivoluzionato le nostre vite, cambiando le abitudini quotidiane e apportando significativi miglioramenti, soprattutto per quanto riguarda le comunicazioni, sia lavorative che personali.  In questi giorni di reclusione forzata, leggere e ascoltare le parole di altri ci ha portato conforto e mai come prima abbiamo sperimentato i lati positivi delle tecnologie digitali che anche a distanza permettono l’incontro e lo scambio.

Forse è arrivato il momento per iniziare a trovare le parole per dire ciò che noi è importante. Non è mai troppo tardi per scrivere di noi e per scrivere ai nostri cari, vicini, lontani, perduti. 

Riappropriarsi della propria storia e provare a raccontarla è un punto di partenza per mantenere la cura per sé e per gli altri, il “lavoro dell’amore”, al centro dell’esistenza, anche quando sarà passata questa emergenza sanitaria È un’occasione per scoprire che scrivere di noi richiede tempo ed attenzione e che questi sono gli stessi ingredienti per nutrire e per tenere vive le relazioni.

Il laboratorio di narrazione si svolgerà on line, nel rispetto delle limitazioni vigenti, nel contesto accogliente del gruppo. Nei gruppi di scrittura autobiografica, ogni partecipante può decidere quanto e come condividere frammenti della propria storia.

L’attenzione sarà posta sul processo e non sul risultato, con l’obiettivo di far diventare l’esperienza del laboratorio uno strumento per ricordare, per divertirsi, per riflettere ed infine per rielaborare, in modo creativo, i materiali emersi. 

La scrittura sarà lo strumento principale – ma non l’unico – per generare racconto di sé, ascolto attivo e condivisione delle storie altrui. 

Non lasciatevi scoraggiare dalla presunta freddezza dell’esperienza on line perché non è così e le molte esperienze che al Divenire e in molti altri contesti si stanno facendo lo dimostrano.

Nei gruppi di scrittura autobiografica, ogni partecipante può decidere quanto e come condividere frammenti della propria storia.

L’attenzione sarà posta sul processo e non sul risultato, con l’obiettivo di far diventare l’esperienza del laboratorio uno strumento per ricordare, per divertirsi, per riflettere ed infine per rielaborare, in modo creativo, i materiali emersi. 

La scrittura sarà lo strumento principale – ma non l’unico – per generare racconto di sé, ascolto attivo e condivisione delle storie altrui.

La partecipazione è libera e aperta a tutti: possono iscriversi le persone che hanno frequentato il seminario “Perché ha ancora senso scrivere lettere d’amore” e desiderano approfondire le tematiche trattate, quelli che volevano partecipare e non ci sono riusciti ma anche tutti coloro che desiderano sperimentare, in un precorso breve, questa tecnica di conoscenza di sé. Non è richiesta alcuna esperienza precedente di scrittura, è sufficiente essere curiosi di sé e della propria storia

Calendario degli incontri: 3 incontri – 20, 27 aprile e 4 maggio 2020, dalle 19,30 alle 21,30

Quota di partecipazione – Prezzo promozionale: 50 euro (per i tre incontri) 

Iscrizioni – presso il Centro Divenire – info@centrodivenire.net, entro il 18 aprile2020.

Ad iscrizione avvenuta, sarà inviato per mail il link per collegarsi alla piattaforma on line scelta.

Conduce

Cristina Paruta

Esperta in Metodologie biografiche e autobiografiche e Consulente in Scrittura Autobiografica Individuale. Conduce laboratori di scrittura autobiografica, da sola o con altri professionisti di diversa formazione, ed è Consulente di Scrittura Autobiografica Individuale presso il Centro Divenire. Si è specializzata alla scuola triennale di scrittura autobiografica e biografica diretta da Duccio Demetrio presso la “Libera università dell’Autobiografia” di Anghiari. È laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne. Le piacciono le storie e crede nel potere relazionale e trasformativo del racconto. Ha curato la redazione di un volume di memorie locali – Ho guardato il mondo: quando lavoravo in Zerowatt un oblò con GIT, “Gruppo Identità e territorio” di Alzano Lombardo di cui è socia e conduce percorsi di formazione per “biografi volontari”.

Iscriviti al workshop

Iscrizioni entro il 18 aprile 2020.
Numero minimo di partecipanti: 6 – Numero massimo: 10
(In caso di raggiungimento del numero massimo delle iscrizioni sarà data la precedenza alle persone che hanno già frequentato il percorso appena terminato.)
Per iscriversi al percorso è necessario compilare il formulario online.

Apri Whatsapp
Ciao, come possiamo esserti utili? Scrivici su Whatsapp!