I confini del sè

Non è sempre facile stabilire i propri confini, tracciare quella linea che delimita il nostro spazio personale, in particolare se quello che ci muove è la paura di perdere l’altro. Cosa succede infatti quando decidiamo di smettere di guardare al di fuori e diamo uno sguardo al nostro mondo interiore?

La definizione dei propri confini, di ciò che è “me” e ciò che è “altro da me”, è un processo in continua evoluzione e movimento. Se le pareti di quella che può essere metaforicamente definita come la nostra casa non sono rigide e immutabili, se non sono definite una volta per tutte le demarcazioni tra il nostro dentro e il fuori, come possiamo percepire e proteggere i nostri confini, il nostro Sé?

Quando: martedì 4 febbraio, dalle 20.30 alle 22.30.
Dove: Presso il Centro Divenire, in via Reich 39.

Come: Incontri di gruppo (minimo 5, massimo 15 persone). In caso di mancato raggiungimento del numero minimo di partecipanti l’incontro sarà annullato, e le quote di partecipazione versate saranno rimborsate.

Cosa: Partendo da una riflessione sui concetti di confine, di definizione del Sé, di strategie difensive, arriveremo a fare piccole esperienze di ascolto di noi stessi, dei nostri limiti e del nostro rapporto dentro/fuori.
Approfondiremo il legame esistente tra il proprio livello di autostima e la difficoltà nel discriminare il confine tra sé e gli altri e come, a volte, l’eccessiva attenzione verso l’altro e i suoi bisogni diventi un modo per prendere le distanza da sé stessi evitando la sofferenza generata dal guardare in faccia la propria vulnerabilità.

Quanto: 50 euro a persona

A cura di

Patrizia Pascucci

Psicologa, psicoterapeuta sistemico-relazionale, terapeuta EMDR, Trauma Releasing Exercices (T.R.E) e Somatic Experiencing.

Iscriviti

Inoltrate la vostra richiesta di iscrizione compilando il nostro formulario online.

Apri Whatsapp
Ciao, come possiamo esserti utili? Scrivici su Whatsapp!
Powered by